Tumblr Mouse Cursors
triad..cur Cursor

"-A volte, i vecchi amori, ritornano-
Succede che uno prova ad andare avanti,
ci proverà.
Proverà altri amori,
altre emozioni,
altre esperienze.
Proverà a perdersi in altri occhi,
in altre braccia.
Proverà a viaggiare,
a scovare altri posti.
Magari proverà anche quelle storie del “senza impegno”.
E magari, per un po’ di tempo, starà anche bene così.
Molte volte, chi ha amato forte, ritorna.
Magari capiterà di rincontrarsi per le strade.
Magari nei giorni d’inverno, leggendo un libro, in quelle righe ritroverà voi due.
Allora durante la notte ci penserà e il mattino seguente farà qualcosa per venirvi incontro.
A volte, i vecchi amori, sconvolgono più della prima volta.
Più intensi.
Più forti ancora.
Si ancorano addosso certi amori, non c’è scampo.
E allora a che serve provare a scappare se quello che si vuole è essere presi per un braccio e non lasciarsi più?"

Maria Auriemma | traimieirestifiorisco (via temporali-interni)

E noi ci ritroveremo. Ma non ora. Ora lasciamoci andare.

(via piccolouragano)

Non é ancora il nostro momento per ritrovarci, ma arriverà.

(via nonrecidereforbicequelvolto)

Ah

(via -26ottobre2013)

Amo questo post!

(via kiissmehardbeforeyougo)

tanto non torna. non torna..

(via unatipafuoriposto)

Ma magari

(via margheritamaggie)

Cazzo.

(via seidentroleossa)

Io la amo non posso farci niente.

(via 25giugnoduemilatredici)

Ale ti amo, e sto ancora aspettando che torni, stavolta per sempre.. :(

(via melodaiunkiss)

Aspettare lui è tempo perso..

(via laragazzadagliocchicomeilcielo)

Jacopo

(via giadazordan)

(Source: itaglisulcuore)

"Che io lo voglia o no"

"L’amore vero nasce tra le difficoltà."

seilamiabussola — (via ilragazzomezzomorto)

Caro Teo.

Avrei potuto chiamarti in infiniti modi e ti ho chiamato solamente ” Caro Teo”, Teo perché so che ti piace essere chiamato così , Caro perché per me sei importante , forse troppo, ma lo sei lo stesso. Vedi, potrei scriverti infiniti testi con infinite frasi ed infinite parole, eppure io non userò infiniti modi per dirti che ti amo , né userò infinite parole per scriverti un testo infinito perché io non sono infinito al contrario del mio pensiero su di te . Così , ti sto scrivendo qualcosa che tu non leggerai mai, un testo finito pieno di tutte le parole che non ti ho mai detto ; Ci siamo conosciuti più di un anno fa e tre giorni dopo, sapevo già che non eri un solo amico e ci ho provato lo stesso. Siamo stati qualcosa di indefinibile, qualcosa che non potrai mai capire se non ci vivi dentro, perché quegli abbracci che tu mi davi, non me li ha dati mai nessuno, quei viaggi che mi facevi fare, non li ho mai fatti prima di incontrare te. Non avevo mai messaggiato con nessuno fino all’una di mattina prima di te, nessuno mi aveva mai dato il buongiorno o la buonanotte ogni giorno , nessuno mi aveva fatto sbagliare corriera e fatto camminare per un’ora per raggiungere la spiaggia , nessuno mi ha mai fatta stare così male e bene prima , non avevo mai immaginato il mio futuro insieme a qualcuno come ho fatto con te, come quando ci siamo seduti di fronte , circondati dai bambini del campo , ed abbiamo fatto colazione colazione chiacchierando come una coppia . Non dimenticherò mai tutti i nostri messaggi, le tue risate ad ogni mia caduta , ad ogni mia figuraccia , ad ogni mia faccia strana , ad ogni mia battuta anche se faceva schifo. Non dimenticherò il modo in cui ti ho tappato la bocca con la mia mano sporca di terra per non farti urlare la sesta caduta della giornata ed il modo in cui hai sputato a terra per toglierti lo sporco facendomi sentire ferita e poi amata quando mi hai presa stringendomi facendomi urlare di lasciarmi e non toccarmi. Non dimenticherò la tua risata , i tuoi sguardi così freddi da gelarti, quell’autocontrollo da uomo e quei dispetti da bambino. Non dimenticherò come tutti ti rispettano , non dimenticherò il tuo sorriso e le tue goti in fiamme quando ti ho detto “pincopallo 1, mi piaci e non posso farci niente” dopo quasi un anno di questa sofferenza acuta. Non dimenticherò il tuo sguardo addormentato alla fiaccolata , non dimenticherò quei fugaci sguardi che mi facevano rimanere sveglia fino alle due di mattina , non dimenticherò la gelosia, quella bastarda che ti fa fare cazzate a tutto spiano, colei che non ti ha mai fatto vedere chi sono e la verità su di me , colei che mi faceva rodere ed urlare . Non dimenticherò mai i nostri balli circondati da vecchietti , l’imbarazzo tra noi, tutte le volte che ti schiacciavo i piedi e rischiavo di inciampare e tu mi sorreggevi , non dimenticherò i cambiamenti pazzeschi che sono accaduti in me nell’arco di un anno, mi hai resa migliore e peggiore , mi hai dato forza e debolezza , mi hai dato amore e lacrime . Non dimenticherò mai tutte le volte che ti ho chiesto scusa facendoti anche incazzare di brutto, non dimenticherò quella sensazione di pace , non dimenticherò tutte le volte che scappavo a casa per non poterti vedere o sentire, perché pure la tua presenza mi torturava , non dimenticherò il giorno in cui avevo lasciato i guanti al bagno dell’indian forest e tu mi prestasti i tuoi, non dimenticherò tutte le volte che mi dicesti ” sei una bambina” scuotendo la testa e ridendo. Non dimenticherò il tuo profumo, la pelle bianca sotto la tua maglietta , il tuo sorriso , la tua voce bassa , il modo in cui suoni la chitarra e la tua timidezza perché , amore mio, tu non sei perfetto , nessuno lo è, ma io ti amo e ,per ogni tua imperfezione , ti amerò sempre di più , e scusami se non ti ho scritto tutto di noi ma non si può riassumere l’infinito di una storia che non è mai iniziata e mai finita . Perché tu sei il verde , il numero sette , i tre piatti di pasta , gli urletti soffocati, la debolezza , la pallavolo ed i “Ti amo” mai pronunciati.Sei il ballerino della Scala in mezzo a ballerini di strada, sei il capitano del mio cuore in mezzo alle nazionali, sei tutto e tu nemmeno lo sai. Dio, tu non sai quanto abbia pensato al fatto che il mio amore sarebbe bastato per entrambi da quanto è grande , io potrei amare per te e per me e tu potresti proteggere me e te da questo mondo di merda. Ed io sono solamente io, gelosia , ossessioni , imperfezioni, amore , risate troppo forti ed urla idiote.

E ricorda, sarò circondata da persone e amici, ma l’unico di cui ho bisogno , sei tu.

Un anno di noi che sarà infinito, dedicato a noi che non inizieremo mai è non finiremo mai.

Tua , Claudia.

xcla

"Sai, io ti porto dentro perchè sei strano. Perchè delle volte ti piace restare solo, e chissà a che pensi. Io ti porto dentro perchè mi prendi in giro, e non te l’ho detto mai, ma mi piace un sacco. Perchè capita che mi giro a guardarti, e tu lo stai già facendo. Ti porto dentro perchè non ci piacciono le stesse canzoni, e dici sempre che le tue sono più belle. Così me le fai ascoltare, e inizio ad adorarle anch’io. Ti porto dentro perchè sei strano. Delle volte diventi freddo, quasi antipatico. Ci resto un po’ male, ma non lo dico mai. Aspetto che mi abbracci, o mi chiedi un bacio, e passa tutto quanto, ritorno a sorridere anche io.
Ti porto dentro, senza che tu lo sai.
Sai, ti porto dentro, ti porto nel cuore,
e mi manchi
e vorrei che tu mi portassi per mano."

quantavitainsiemeate (via quantavitainsiemeate)

"Mi piacciono i suoi occhi e il suo sguardo,
Mi piace la sua bocca e il suo sorriso,
Mi piace anche la sua risata,
Mi piace tutto di lui,
Molti mi chiedono cosa ci trovo in lui e mi dicono che non ha niente di speciale, ma per me.. per me é la fine del mondo."

Nonriescoaliberarmidaldolore (via nonriescoaliberarmideldolore)

"Amori mai iniziati che ti corrodono l’anima."

"Tu mi hai guardato e mi hai sorriso: eri la fine del mondo e l’inizio del paradiso."

"Non dimenticare: bellissimi tramonti hanno bisogno di cieli nuvolosi"

Paulo Coelho 

dio, che frase stupenda

(via profumoimpresso)

Anche le stelle,  per brillare hanno bisogno del buio.

(via ilprofdimatematica)

(Source: malinconialeggera)

"
  • Ma tu non ti affezioni mai?
  • Io mi affeziono di nascosto.
"

Dave De Monky.  (via toanywhere)

(Source: le-taschepienedicose)